· 

Protezione in polvere, la Cascarilla

C'è una polvere, usata magicamente a scopo di purificazione e di protezione, che io amo particolarmente realizzare in casa: la Cascarilla.

Il suo utilizzo è noto soprattutto nella Santeria e nel Hoodoo, ma la semplicità della preparazione e la solida connessione con i principi di base della magia simpatica, ne hanno fatto un ingrediente apprezzato in molte tradizioni differenti.

Perché mi piace così tanto? Principalmente per tre motivi:

1) Potete probabilmente realizzarla a partire da quello che avete già in casa: potreste letteralmente iniziare a prepararla pochi minuti dopo aver letto questo articolo. Inoltre, si conserva molto a lungo.

 

2) L'ingrediente utilizzato è solitamente considerato un prodotto di scarto, il che appaga gli spiriti ancestrali delle mie antenate emiliano-romagnole, per cui "Non si butta mai niente" rappresenta l'undicesimo comandamento.

3) Come polvere a uso magico, è possibile utilizzarla praticamente ovunque, senza destare sospetti o attenzioni indesiderate.

Per preparare la Cascarilla vi servono dei gusci d'uovo; la cosa migliore da fare è tenere da parte i gusci delle uova che utilizzate (dopo averli sciacquati all'interno sotto al getto d'acqua del rubinetto) fino a quando avete raggiunto il numero sufficiente per la quantità di cascarilla che volete ottenere: io vi consiglio di avere disponibili i gusci di almeno 4/5 uova.

[Nel caso abbiate fretta di preparare la cascarilla, potete sempre usarla come scusa per prepararvi una ciotola di crema pasticcera: la magia richiede sacrificio]

Una volta che avete i vostri gusci, portate il forno di casa a circa 100°, disponete i gusci su una teglia da forno e, quando il forno è caldo, infornate la teglia. 
Lasciate i gusci in forno per qualche minuto (circa una decina, ma dipende molto dal tipo di uova); per vedere se i gusci sono pronti, provate a spezzettarne un pezzo con le dita: se il guscio si frantuma con facilità, potete toglierli dal forno, se, invece, la sottile pellicola bianca all'interno  del guscio è ancora elastica e tende a far rimanere i pezzi attaccati tra loro, lasciateli in forno ancora qualche minuto.

 

Quando i gusci si sono raffreddati, metteteli in un mortaio in pietra e cominciate, con pazienza e perseveranza, a ridurli in polvere. Potreste essere tentati di svolgere questa operazione con un mixer: non fatelo.
A parte il fatto che volerebbe polvere ovunque (e ve la trovereste dove meno ve lo aspettate), quando si tratta di ingredienti utilizzati a scopo magico, l'attenzione, il tempo e la concentrazione che dedicate nel corso della realizzazione fanno veramente la differenza.

Otterrete una polvere simile a quella che vedete in foto: non sarà mai candida come quella che potete vedere nei negozi che vendono articoli Hoodoo, per il semplice motivo che in Italia utilizziamo principalmente uova di colore rosato.

La finezza della polvere che otterrete dipende dal tempo che dedicherete a pestare i gusci nel mortaio.

Ora che avete la vostra cascarilla, come potete utilizzarla?
In moltissimi modi diversi, qui sotto elenco solo alcune delle possibilità:

- come aggiunta a miscele per la pulizia e la purificazione della casa

 

- come ingrediente in sacchetti o incantesimi focalizzati su uno scopo di protezione

 

- sparsa direttamente davanti alla soglia di casa, oppure ai quattro angoli di una stanza per una purificazione/protezione rapida e che non richiami troppa attenzione (la trovo particolarmente indicata per luoghi come le stanze di ospedale o le postazioni di lavoro, dove spesso non è possibile svolgere pratiche di purificazione di altro genere)

 

- sparsa sugli strumenti rituali per purificarli: utile nei casi di strumenti particolarmente delicati che mal sopportano altri metodi (come l'interramento o l'aspersione con acqua e sale)

 

- per tracciare un cerchio di protezione attorno a sé, durante operazioni che richiedono qualche attenzione in più

 

- la polvere più fine può essere utilizzata per tracciare sigilli e simboli di protezione.

 

I possibili utilizzi della cascarilla sono davvero infiniti: esplorate e divertitevi!

Giulia Turolla,
18/06/2019